Comune di Castel Del Giudice

Portale ufficiale del Comune di Castel Del Giudice

25-04-2017
Ti trovi in: HOME » Vocabolario

Vocabolario

Principali termini della lingua castellana

Scarica il vocabolario completo

Di seguito sono raccolti i termini più in uso della lingua di Castel del Giudice. Non abbiamo quindi la presunzione di aver fatto un lavoro completo ma solo l’inizio di un impegno da completare aggiungendo termini che via via ci saranno segnalati, anche termini più antichi per aggiungere o sostituire quelli italianizzati. Abbiamo poi scelto di non usare la e alla francese ma le consonanti seguite da troncatura ( ‘ ) sia a fine parola che al suo interno perché questo sistema rappresenta meglio il suono della consonante tronca, l’esempio P’tr’sen’r’, e poi ci sono alcune e scritte e pronunciate regolarmente come le altre vocali. Distinzione inoltre per C -ch g- gh. Ovviamente avendo rispettato la regola di scrivere come si pronuncia nc diventa ng (Veng’), nt diventa nd (candà), lc diventa lg (Dolg’), ns diventa nz (Penza), mp diventa mb (Lambadina) ecc…

Abbiamo anche raccolto alcuni proverbi e metafore della civiltà contadina che sono segnate a fianco di alcuni termini.

Vocali ed articoli

La prima difficoltà stà nel tradurre le parole in forma scritta in quanto occorrerebbero almeno 9 vocali.

Che definiremo: A – E – I – O – U come da lingua italiana .

Inoltre:

  • J: ( jnebl )
  • UA che suona UOA: (Uarduà);
  • UO dove la O diventa più chiusa di quella normale: (manuocchj);
  • IA solo in alcuni casi la A diventa più aperta quasi iea: (Magniat’)

Gli articoli determinativi : singolare femminile la, plurale l; singolare maschile ru, plurale r.

Gli articoli indeterminativi: femminile na, maschile nu.

Verbi

Esistono 4 vere e proprie coniugazioni con regole generali e molte eccezioni: il verbo ausiliare è quasi sempre avere, anche per i verbi intransitivi, con eccezioni nell’ambito dello stesso verbo, in altri verbi si usa indifferentemente sia essere che avere, in pratica sono più le eccezioni che le regole fisse.

L’esempio: i ajj iut, tu siè iut,iss è iut, nu em ( stà sia per avem che per sem ) iut, vu et ( stà sia per avet che per set ) iut, lor ien o so iut.

Comunque tutti terminano per : 1) ( à, ià, uà ), 2) ì, 3) è, 4) (tr, cr, vr, onn, ett ), rz che riguarda i riflessivi

Potremmo dire 4 coniugazioni di cui la prima e la quarta con alcune varianti (, metr, dicr, chiovr, ecc..).

Per tutti i verbi esistono, il presente, passato prossimo, passato remoto, il futuro è il presente preceduto da un’indicazione del tempo ( Dumàn m n vaglj, L’ann ch vè m’accatt la casa ecc..), tra condizionale e congiuntivo non esiste una distinzione precisa ed è quasi sempre il congiuntivo a prevalere, tuttavia esistono alcune rare forme di condizionale rafforzativo di un’azione:

- t mbccarrìa, t’accdarrìa, t faciarrìa - che forse derivano da altra lingua ).

1° coniugazione terminante con à, ià, ua, Esempio: passà, magnià, uarduà :

PRESENTE

I pass,Tu piass,Iss passa, Nu passem, Vu passet, Lor passn.

IMPERFETTO

I passev, tu passiv, iss passeva, nu passaam, vu passaat, lor passevn

PASSATO PROSSIMO

(eccezione dell’ausiliario)

I ajj passat, Tu siè passat, Iss ha passat, Nu em passat, vu et passat, lor jen passat.

PASSATO REMOTO

I passiev, Tu passisct, iss passett, nu passemm, vu passesct, Lor passiern.

CONGIUNTIVO – CONDIZIONALE

I passess, tu passiss, iss passess, nu passassim, vu passassit, lor passessn

2° coniugazione terminante con ì, esempio: durmì

PRESENTE

I dorm, tu duorm, iss dorma, nu durmem, vu durmet, lor dormn

IMPERFETTO

I durmeva, tu durmiv, iss durmeva, nu durmaam, vu durmaat, lor durmevn.

PASSATO PROSSIMO

I ajj durmut, tu iè durmut, iss ha durmut, nu avem durmut, vu avet durmut, lor ien durmut.

PASSATO REMOTO

I durmiev, tu durmisct, iss durmett, nu durmemm, vu durmesct, lor durmiern.

CONGIUNTIVO CONDIZIONALE

I durmess, tu durmiss, iss durmessa, nu durmassim, vu durmassit, lor durmessn.

3° coniugazione terminante con è, esempio: sapè

PRESENTE

I sacc, tu sià, iss sa, nu sapem, vu sapet, lor sian.

IMPERFETTO

I sapev, tu sapiv, iss sapeva, nu sapaam, vu sapaat, lor sapevn.

PASSATO PROSSIMO

I ajj saput, tu iè saput, iss ha saput, nu avem saput, vu avet saput, lo ien saput.

PASSATO REMOTO

I sapiev, tu sapisct, iss sapett, nu sapemm, vu sapesct, lor sapiern.

CONGIUNTIVO CONDIZIONALE

I sapess, tu sapiss, iss sapessa, nu sapassim, vu sapassit, lo sapessn

4° coniugazione terminante con tr, vr, cr, rz,onn, ett esempio: “accitr, movr, dicr,vsctirz,annasconn, apprmett”.

PRESENTE

I dich, tu dic, iss dicia, nu d’cem, vu d’cet, lor dicn.

IMPERFETTO

I d’ceva tu d’civ, iss d’ceva, nu d’ciaam, vu d’ciaat, lor d’cevn.

PASSATO PROSSIMO

I ajj ditt, tu iè ditt, iss ha ditt, nu em ditt, vu et ditt, lor ien ditt.

PASSATO REMOTO

I d’ciev, tu d’cisct, iss d’cett, nu d’cemm, vu d’cesct, lor d’ciern.

CONGIUNTIVO CONDIZIONALE

I d’cess, tu d’ciss, iss d’cessa, nu d’ciassim, vu d’ciassit, lor d’cessn